Settembre è un mese di contraddizioni. È estate, però non lo è più, ci si culla all’idea dell’autunno ma non si vuole lasciare il caldo. Così ho fatto un piccolo sondaggio tra amici e colleghi su cosa si aspettano da settembre, questo in cui siamo ora: c’è chi mi ha parlato di politica o vacanze non ancora fatte, oppure di nuovi progetti e di ritorno alla routine.

L’ho presa larga per raccontarvi che cosa abbiamo pensato per la sera del 18 settembre, quasi metà di questo mese. In cui navigheremo sul filo tra le serate estive e il rientro alla quotidianità.

Intanto siamo a Riccione, una delle mete indiscusse del divertimento estivo, in un luogo, Bevabbé, fuori dal coro rispetto a ciò che lo circonda. L’originalità sta nella proposta che punta alla alta qualità delle materie prime, e dal suo patron, Riccardo Parisio, che è bolognese, e ha chiamato “Soccia” il suo alimentari – gourmet che è proprio di fronte (con chiaro riferimento al gergo della “Grassa”).

Con noi ci sarà Paolo Bissaro de La Canonica di Casteldimezzo, grande chef e amico, con cui abbiamo tanti progetti (ne vedrete delle belle!) che ci prepara degli incredibili snack con lische, polveri e cagliate per l’aperitivo del recupero e un imperdibile e indimenticabile risotto.

i vini sono di Giulia Fiorentini di Cupramontana, giovane artigiana del vino, arrivata nel regno del verdicchi a vent’anni da Milano, senza alcuna esperienza di campagna e di vite. Con umiltà e decisione ha imparato che l’armonia delle stagioni e il rispetto della terra portano frutti generosi e vini speciali.

Ma non ci basta, perchè se siamo in bilico tra le due stagioni, un cocktail non può mancare e così Mattia Pannone il bartender che da cinque anni propone cocktail innovativi da Bevabbè, ci propone la sua versione del gin tonic del recupero, che vorremmo tenere nella borraccia.

La serata in poche parole:

L’aperitivo del recupero di Paolo:

Insalata vecchia, lische di sardoncino, sardoncino, parmigiano alla brace
Minestra regina, quinto quarto di pesce, cetriolo all’aceto
Yogurt affumicato, polveri, alloro
Cagliata al limone, fichi, liquirizia, olio evo

Il piatto del recupero di Paolo:

Risotto all’acqua di ostriche, gel di buccia di limone, fondi di caffè, erbe selvatiche

Il cocktail del recupero:

Gin tonico di Mattia Pannone con le bucce di limone affumicato (di Paolo Bissaro)

I vini  di Giulia Fiorentini di Cupramontana:

Bianco Grottesco Più 2015 Verdicchio
Rebecca Marche Rosato 2017 Montepulciano in pressa
Marche Rosso Benedetto 2015 Montepulciano, Sangiovese, Cabernet

I vini proposti sono a cura di Triple “A” di Velier

Per i dettagli clicca qui

Pin It on Pinterest