Il Chilometro Consapevole

“Chilometro Consapevole” è il libro uscito a settembre 2022 scritto a quattro mani da Carlo Petrini e Carlo Catani per Slow Food Editore.
 
Nasce da numerose rifessioni e chiacchierate che hanno contraddistinto gli incontri dei due autori e le loro esperienze personali nel mondo della gastronomia. In realtà si parla di una visione totale che può fare riferimento a qualsiasi scelta della nostra vita.
 
Una chiave di lettura e di riflessione che ci mostra la soggettività nascosta nelle nostre azioni. Ognuno può conoscere una sola parte della complessità delle produzioni (per limitare il campo), per questo gli autori si sono avvalsi di 29 contributi tra studi ed esperienze nei vari campi che coinvolgono l’ambito gastronomico.
 
Il testo diventa così uno spunto per avere la consapevolezza, appunto, necessaria per essere coerenti con se stessi.

È possibile capire se e quanto un prodotto sia buono, pulito e giusto? Possiamo armarci di uno strumento che consenta di chiarire pragmaticamente i dubbi su ciò che acquistiamo? Misurare la sostenibilità è arduo, forse impossibile, ma è utile dotarsi di strumenti intuitivi, che ci consentano di poter effettuare le nostre scelte. Diventa poi necessario nel mondo occidentale, dove pare che il tempo per riflettere sulle nostre minute azioni quotidiane sia inesistente, e dove gli acquisti vengono fatti di fretta e quasi esclusivamente in luoghi che accorpano diverse classi merceologiche.

Le possibilità e le informazioni di cui possiamo armarci oggi hanno profonde lacune, e celano la complessità insita nelle produzioni stesse, pensiamo a Km0, km vero, Km libero, e via discorrendo. Avere la possibilità di esaminare i costi effettivi dei nostri acquisti ma anche delle nostre azioni, può aiutarci ad effettuare scelte migliori. Se non bastasse, l’attuale crisi legata al Covid ha acuito questa necessità. La revisione delle priorità ha reso ancora più importante avere strumenti chiari per non perdere l’occasione di ri-partire e migliorare. Questa è la tesi: è possibile capire se e quanto un prodotto sia “buono, pulito e giusto”? Possiamo armarci di uno strumento che consenta di chiarire pragmaticamente i dubbi su ciò che acquistiamo? Di fatto Il chilometro consapevole si propone di diventare uno strumento semplice e intuitivo in primis, con spazio per schede di approfondimento, utilizzabile da tutta la filiera.

L’intento è quello di creare un legame tra produttori, trasformatori, venditori, e non ultimo il pubblico acquirente, ovvero coloro che Petrini definisce giustamente co-produttori. Sono necessari elementi pratici e di buon senso, e la possibilità di approfondire con metodo scientifico, ad esempio attraverso studi di LCA, ovvero basati sul ciclo di vita e sulla relativa impronta ambientale.

Eventi in programma

Decalogo Tempi di Recupero

Pin It on Pinterest